Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo
Menu
Post Image

Virtus-Olimpia, dall’Europa alla volata scudetto

Derby d'Italia nel prossimo turno della Legabasket A, con la sfida al vertice tra AX Armani Milano e Segafredo Bologna (17.30, Eurosport): in palio il primato in campionato, con uno sguardo all'Europa 

 È la settimana del Derby d'Italia del basket, per decidere quale sarà la testa di serie nella griglia playoff tra la Virtus Segafredo Bologna e l'Armani Olimpia Milano. La Legabasket Serie A si prepara a ospitare, domenica alle 17.30 (sui canali Eurosport), la gara più importante della stagione.

La gara d'andata, disputata il 5 gennaio, aveva visto una sfida tra due squadre falcidiate dal Covid, vinta dall'Olimpia che si assicurava il primato in classifica. Il ritorno si presenta ancora sotto l'insegna dell'emergenza, almeno dalla parte di Milano, viste le tante assenze dovute a positività (Rodriguez, Shields, Daniels), infortuni (Kell e Datome), persino la sospensione dovuta al caso doping di Mitoglu.

La situazione sembra essersi ribaltata in pochi mesi: nonostante l'infortunio di Belinelli, Bologna vive sulle ali dell'entusiasmo grazie all'arrivo di due campionissimi come Daniel Hackett e Toko Shengeila. Due innesti di lusso in una squadra già profonda, un playmaker (ex della sfida) e un'ala forte che hanno fatto subito sentire il peso della loro esperienza in termini di difesa e di efficienza offensiva. Entrambi in uscita dal CSKA di Mosca, esclusa dall'Eurolega in concomitanza con l'invasione russa in Ucraina: a dimostrazione ulteriore di quanto la guerra abbia le ripercussioni nella vita di tutti, persino nello sport. E così la squadra del patron Zanetti ha inanellato una striscia ininterrotta di 10 vittorie consecutive, conquistando il primo posto in solitaria in campionato, e si prepara a battere la rivale più prestigiosa nellanuova Virtus Segafredo Arena.

Al di là del prestigio, il primo posto conta relativamente nella lotteria dei playoff: pur assicurando la possibilità di giocare l'ultima gara in casa, non garantisce la vittoria finale. Proprio un anno fa, la capolista era la squadra di Ettore Messina, ma lo scudetto andò in terra emiliana con un sonoro 4-0. Conta la qualità dei due roster, così lunghi da poter schierare, di fatto, una squadra diversa tra campionato e coppa; contano le soluzioni che riusciranno a trovare i due coach, Messina e Scariolo, tra i più vincenti della pallacanestro italiana ed europea. E conterà, soprattutto, il cammino europeo di queste due nobili città del basket. Perché sono le vittorie in campo internazionale a dare lustro a un movimento intero, anche se nel calcio ci si dimentica spesso.

playmaker a confronto, Teodosic-Rodriguez (Backdoor Podcast).
...

INTERVISTA a Tomaso, nipote del Maestro Silvio Gazzaniga, "Signore delle Coppe" - Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo

È stato uno dei massimi scultori e artisti italiani del ventesimo secolo. È il padre del trofeo calcistico più ambito del mondo, la FIFA World Cup. Oltre a questa Silvio Gazzaniga ha realizzato la Coppa Uefa, la Supercoppa europea, e i trofei di molti altri sport. Lo scorso gennaio, la "sua" Coppa ha compiuto mezzo secolo. Grazie a lui, in qualche modo, l'Italia sarà ai Mondiali in Qatar. Ne abbiamo parlato con il nipote, Tomaso.

 Grandi in Italia, ambiziosi in Europa

In Eurocup, la seconda competizione organizzata da Euroleague Basketball, tra il 19 e il 20 aprile inizierà un'intensa fase finale che mette in palio la partecipazione de iure alla prossima Eurolega: è l'obiettivo primario, mai nascosto, della dirigenza bolognese, consapevole che solo l'ingresso definitivo tra i grandi del basket potrà garantire solidità economica e vittorie. L'anno scorso la corsa delle V nere si fermò in semifinale. Quest'anno Teodosic e compagni puntano a vincere il torneo tra le migliori 16 squadre della competizione, anche se la nuova formula, che prevede solo gare secche, sarà piena di insidie.

Sulle sponde dei Navigli, invece, si è conclusa con grande soddisfazione la lunghissima regular season di Eurolega. Con l'ultima vittoria in casa dell'ASVEL Lyon e la contemporanea sconfitta del Real Madrid, l'Olimpia si è assicurata il terzo posto e il fattore campo nel primo turno dei playoff, dove affronterà una tra l'Efes Istanbul campione in carica e quel Maccabi Tel Aviv che solo un mese fa si imponeva sui milanesi con un sonoro 75-58; la classifica definitiva, infatti, si deciderà dopo un recupero della settimana prossima. Incroci entrambi complessi: da un lato, il talento offensivo della migliore squadra degli ultimi anni; dall'altro, una storica capitale del basket, che in casa potrà contare su un pubblico tra i più caldi d'Europa.

Il sogno di tornare alle final four, dopo la beffa dello scorso anno, dista al massimo cinque partite, ma l'Eurolega è da sempre regno dell'equilibrio e delle sorprese. Al di là di come finirà, tuttavia, resta la straordinaria stagione disputata fino a ora dall'Olimpia, capace di competere in mezzo ai top club d'Europa: nei ricordi dei tifosi biancorossi resteranno le imprese col Barcellona e il Real Madrid, il CSKA Mosca o l'Efes. Un percorso fatto di 21 vittorie e 9 sconfitte (contando quelle con le squadre russe, escluse poi dalla classifica ufficiale), con una continuità che conferma la bontà del progetto targato Giorgio Armani e Giorgio Dall'Orco. Vincere in una sola stagione può essere casuale; confermarsi nel tempo certifica la forza di una società, soprattutto sul piano economico.

Ettore Messina e Sergio Scariolo (Legabasket).
...

La fiaba del Derthona Basket, dai campi all’aperto alla finale di Coppa Italia - Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo

La Frecciarossa Final eight di Pesaro va all'AX Olimpia Milano di Armani, ma la Bertram Derthona si regala il sogno di una finale che parte da lontano. Ripercorriamone la storia 

 Una finale annunciata?

Bologna contro Milano non sarà mai una partita come le altre: due città del Nord Italia in cui si respira pallacanestro; due società con un blasone e una bacheca ricca di titoli. L'ambizione di questi due progetti, con il mix tra italiani e stranieri di grande esperienza, sta spingendo l'intero movimento fuori da una lunga crisi di visibilità e risultati: solo nel 2017, ad esempio, la Virtus si trovava nel campionato di Legadue.

Dopo lo scudetto e la Supercoppa dell'anno scorso alzati dalle "V nere", Bologna contro Milano metterà in campo il meglio che il basket italiano possa offrire attualmente. La partita di domenica aprirà la volata dei prossimi due mesi, tra impegni europei e playoff di Serie A. Al netto di sorprese sempre possibili, la finale scudetto sembra già annunciata.

Come andrà a finire? Chi lo sa, buon basket a tutti.

Andrea Sciretti

Ma il calcio di Simeone è preistorico?
Il nuovo che avanza: Bruno Amione è pronto a prend...
 

Commenti (0)

  • Non ci sono commenti. Inserisci un commento per primo.

Lascia un commento

Immagine Captcha

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a https://mail.il-catenaccio.it/

Like what you see?

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...