Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo
Menu
Post Image

Intervista Francisco Lima: "Devo tutto a Capello. Con la Roma non ho mai perso un derby!"

Francisco Lima contro Del Piero. Fonte Pagineromaniste

"Grande Roma! Sempre grande Roma!". Quando capisce da dove lo chiamiamo Francisco Govinho Lima ha subito la risposta pronta. In fondo quella maglia l'ha indossata per 131 volte, indossando anche il tricolore sul petto. Arriva e vince subito la Supercoppa Italiana "e non ho mai perso un derby!" ci dice fiero. Poi saranno quattro anni di alti e bassi prima di riprendere il giro del mondo. Dalla Russia al Qatar, dal Brasile alla Puglia, dove oggi allena i più piccoli.

In questa intervista esclusiva per Il Catenaccio riavvolgiamo il filo dei ricordi, per tornare alla Roma scudettata, a Fabio Capello e a quando Lima era per tutti "Duracell".


Mister, come sta andando questa nuova vita da allenatore? 

Posso veramente dire che è una grande esperienza. Alleno in una bellissima scuola calcio, qui a Lecce, in una regione che mi ha fatto innamorare e dove vivo con la mia famiglia. Qui ho fatto il corso, ho fatto le mie prime esperienze in panchina in Eccellenza in Promozione pugliese. Ma lavorare con i grandi è una cosa, con i più piccoli è diverso. E' più bello. 

Quali sono i valori che cerca di trasmettere?

Come allenatori cerchiamo di insegnare che prima del calciatore viene l'uomo, è questo che ho imparato nella mia carriera e provo trasmetterlo ai ragazzi e ai bambini. Anche perché diventare calciatori non è facile, ma tutti devono crescere e diventare uomini, persone per bene. E lo sport aiuta in questa crescita. 

Ha giocato in Brasile, in Turchia, in Svizzera, In Italia, in Russia, negli Stati Uniti, in Qatar. Ha girato il mondo ma la Roma è stata la sua esperienza più bella.

Assolutamente sì, ricordo ancora il giorno della presentazione. Ricordo il giorno della presentazione, contro il Boca Juniors. Vincemmo 3 a 1 e segnarono Batistuta e Guigou. Entrai nel secondo tempo, al posto di Tommasi. Tutto lo stadio ci chiamava per nome, fu un'emozione unica. Giocare nella Roma poi era bellissimo, condividevo lo spogliatoio con giocatori importanti: Totti, Aldair, Emerson, Candela, Balbo, Montella, Cassano, Tommasi, Delvecchio. Per me è stato una cosa importantissima, è stata una grande motivazione, arrivavo in una squadra che aveva giocatori che avevano giocato il mondiale, che avevano vinto tanto. Fu bellissimo. E il grande merito fu di una persona in particolare...

...

Aliou Cissé, il Leone del Senegal sul tetto dell'Africa - Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo

Aliou Cissé sa bene cosa vuol dire sbagliare un rigore in finale di Coppa d'Africa. Ma stavolta il suo Senegal è riuscito ad alzare la coppa al cielo
Francisco Lima alla sinistra di Francesco Totti, scudetto sul petto e maglia storica. Fonte: Wikipedia
...

Tammy Abraham, muoversi negli spazi nonostante tutto - Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo

Al minuto 69 di Roma-Fiorentina, prima giornata di campionato, l'intero Stadio Olimpico inizia ad applaudire un giovane attaccante inglese con il numero nove sulle spalle. I tifosi lo stanno ringraziando per la bella prestazione: in quell'ora e poco più di gioco ha dato tutto per una maglia e per una squadra con cui, fino a quel giorno, non ha mai fatto nemmeno un allenamento

Di chi?

Di mister Fabio Capello, che per me è stata una delle figure più importanti della carriera. Mi voleva bene, mi trattava in un modo unico e fu fondamentale per il mio ruolo in campo.


Spostandola sulla fascia.

Esatto, lì potevo dare il meglio di me. Don Fabio era un grande allenatore, il migliore della mia vita. Dentro il campo metteva sé stesso, sapeva parlare con i giocatori nei momenti giusti, sapeva riprenderli quando sbagliavano, sapeva motivarli quando la squadra stava bene, sapeva frenarli quando voleva che qualcuno riposasse. I giocatori della Roma vogliono sempre giocare, vogliono sempre scendere in campo, nessuno vuole stare in panchina. Ma lui era unico, sapeva come dirlo, sapeva amministrare tutti i giocatori, fuori e dentro il campo. Ci diceva che ognuno di noi dovevamo assumere la responsabilità di giocare nella Roma, ogni occasione. Questa era la cosa più importante, ognuno di noi aveva una responsabilità e dovevamo metterla in campo.

E fuori che allenatore era?

Unico anche lì, sapeva parlare con tutti, rideva, scherzava. Era bello, sapeva motivare il gruppo, parlare nei momenti difficili. Faceva di tutto per la squadra.

Qual è la partita più emozionante che ha giocato?

Ovviamente il Derby. Guarda, ho giocato la Champions League contro il Real Madrid, il Barcellona, il Liverpool, ma niente supera i derby. Quello del 5 a 1 poi è stato unico, quattro gol di Montella e uno di Totti. Una partita indimenticabile. Iniziò subito bene, il mister ci diceva che era la partita più importante della stagione e anche noi la pensavamo così. Quando si giocava con la Lazio era una finale. E io non ho mai perso un derby! Con la Roma ne ho giocati otto, ne ho vinti cinque e ne ho pareggiati due. Entravamo in campo con una grinta unica, tutti, da Antonioli a Batistuta, entravamo per vincere. Vedere tutto lo stadio pieno poi ti dava la carica. Vedevi il calcio, oggi non lo vedi più, è cambiato tutto. 

Francisco Lima in uno dei tanti derby, mai persi, che ha giocato. Fonte: asromalive
...

La storia di Giorgio Carpi, il "signorino" che rifiutò lo stipendio della Roma - Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo

Riserva, titolare, gregario poi dirigente, segretario, allenatore addirittura traduttore. Giorgio Carpi, per la "sua" Roma, avrebbe fatto di tutto. 

Mister, se lo ricorda ancora come la chiamavano a Roma?

Certo, Duracell! Era un soprannome che mi portai dal Brasile, quando ai tempi del Ferroviario, il primo club dove ho giocato, continuavo ad allenarmi quando tutti se ne andavano a casa. Spegnevano le luci del campo e io ero ancora lì, nel buio, a correre. Dieci, venti giri di campo. Mi chiamavano anche "Polmone d'acciaio".

La sta seguendo un po' la Roma di Mourinho?

Sì, ma poco rispetto a prima. Guardo qualche partita, alcune volte gioca bene, altre male. Ma alla Roma mancano giocatori importanti. Per l'Europa è difficile, ma la mentalità inizia a esserci.

Certo, sulle fasce servirebbe un Francisco Lima.

E servirebbero in attacco un Totti e un Batistuta. Perché se non segni, non vinci le partite...

Tre cose belle da Roma Femminile - Pomigliano
La strana parabola di Alessio Riccardi
 

Commenti (0)

  • Non ci sono commenti. Inserisci un commento per primo.

Lascia un commento

Immagine Captcha

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a https://mail.il-catenaccio.it/

Like what you see?

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...